RECENSIONE: DUVEL MOORTGAT – MAREDSOUS TRIPEL

A completare il trittico delle birre che portano il marchio Maredsous (abbazia di Denée nel quale veniva prodotta la birra, poi rilevata dalla multinazionale Duvel Moortgat) troviamo la Tripel. Questo prodotto si afferma come il più alcolico di questo terzetto, caratterizzato dalla rappresentazione della cultura birraria belga nei suoi stili più iconici.
Nonostante la produzione non avvenga più all’interno del monastero, gli accordi per il rilascio della licenza (con conseguente spostamento della lavorazione negli stabilimenti di Duvel Moortgat) prevedono il mantenimento delle ricette originali nell’uso delle materie prime utilizzate in tutti questi secoli.
Ovviamente, con la tecnologia odierna, i metodi di produzione sono cambiati in modo sensibile, ma la tradizione almeno a livello di immagine è stata mantenuta tale.

Recensione Review Duvel Moortgat Maredsous Tripel

ANALISI COMPLESSIVA DELLA BIRRA.

La Maredsous Tripel rilascia una schiuma bianca dal tratto fine, che si mantiene compatta e soffice assicurando una discreta persistenza.
Il corpo della birra è ambrato, quasi totalmente limpido, nel quale la luce viene irradiata attraverso il liquido, che amplifica la lucentezza.

L’intensità degli aromi è media: inizialmente è captabile una nota solforosa (che ricorda l’odore innescato dall’accensione di un fiammifero). Fortunatamente essa non si intrattiene più del dovuto, risultando abbastanza ininfluente nel proseguo dell’analisi olfattiva. Altri sentori che prendono parte a questo profilo sono mela, pera, banana e leggero caramello, con divagazione successiva sulla frutta secca. Tutti questi elementi viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda, per tracciare una linea equilibrata e stabile.

La frizzantezza è vivace, atta ad avvolgere a 360° l’intero palato, ricordando le produzioni più rustiche in ambito belga. Il corpo mette in evidenza una prerogativa decisa e netta sull’ABV, accentuata da un sorso che manifesta tale caratteristica dall’inizio alla fine.
Nell’assaggio, l’alto profilo alcolico tende ad elevare la componente etilica che si autoproclama protagonista, eclissando in larga parte gli aromi derivanti da malti e lievito. Il boccato manifesta una tendenza quasi aggressiva, irrorando il palato con fare burbero e monocorde.
Il retrogusto rivela un leggero apporto amaro, unico residuo constatabile nel post-bevuta.

Recensione Review Duvel Moortgat Maredsous Tripel

Analizzando nel complesso le tre etichette di questa serie Maredsous, la Tripel si classifica sul gradino più basso del podio. Alcune sconnessioni ne pregiudicano pesantemente l’andamento, soprattutto nella fase gustativa in cui esce tutto il carattere ruvido nelle parti più problematiche. Il profilo generale è sbilanciato sulla rivelazione alcolica, fatale per cambiare molte percezioni in negativo e fossilizzare il percorso su un andamento difficilmente recuperabile. Una bevuta descrivibile come logorante sul lungo periodo, di difficile assimilazione.

Recensione Review Duvel Moortgat Maredsous Tripel

NOME BIRRA: MAREDSOUS TRIPEL
BIRRIFICIO: Duvel Moortgat (Maredsous)
STILE: Belgian Tripel
ABV: 10%
FORMATO: BOTTIGLIA, 33 cl.

CODICE LOTTO: L31043
SCADENZA: 02/2022
BEVUTA IL: 22/04/2021

Per altre recensioni dei prodotti di Duvel Moortgat (Maredsous), clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: I contenuti di questo blog sono protetti dal diritto d\'autore. È vietato il copia/incolla e l\'utilizzo di esso in altre sedi senza esplicito consenso.